IMPEL Logo

IMPEL projects

  • Disposizioni finanziarie

    Quando i siti vanno in liquidazione, generalmente non vengono presi provvedimenti per il risanamento ambientale e lasciano sostanziali eredità ambientali che devono essere affrontate successivamente. Diverse soluzioni sono state cercate in tutta Europa e includono l'uso di polizze assicurative, disposizioni finanziarie e obbligazioni. Il problema dell'insolvenza rimane e anche se vengono fatte delle disposizioni, queste vengono spesso ignorate dal liquidatore con il risultato che non viene lasciato nulla per l'ambiente, in quanto viene visto come asservito al diritto societario. Alla fine, lunghe battaglie legali possono ancora risultare nella copertura delle spese da parte del contribuente - in diretta contraddizione con il principio "chi inquina paga".

    [Read more]
  • Progetti di efficienza energetica

    IMPEL ha condotto una serie di progetti in relazione all'efficienza energetica. Efficienza energetica nelle autorizzazioni e nelle ispezioni (2010 - 2012) L'energia è una questione prioritaria all'interno dell'Unione europea. Il pacchetto UE sul cambiamento climatico e l'energia prevede un aumento dell'efficienza energetica del 20% e una riduzione dei gas serra del 20% entro il 2020. Dal progetto IMPEL 2002/2003 sull'efficienza energetica a guida finlandese, una valutazione attuale ha dimostrato che sono avvenuti solo piccoli cambiamenti nella considerazione delle questioni di efficienza energetica nelle procedure di autorizzazione e supervisione. Il progetto ha identificato 7 sfide principali riguardanti l'efficienza energetica:

    [Read more]
  • Protezione della natura nel permesso e nell'ispezione degli impianti industriali - Attuazione dell'art. 6(3) della direttiva Habitat (fase 1, 2 & 3)

    Questo progetto consiste in due fasi. È iniziato nel 2014 con il progetto "Protezione della natura nell'autorizzazione e nell'ispezione degli impianti industriali Attuazione dell'art. 6(3) della direttiva Habitat". I principali risultati del progetto 2014 hanno concluso che vi è la necessità di migliorare la conoscenza e l'uso degli orientamenti dell'UE e delle misure di sensibilizzazione, di condividere gli orientamenti nazionali esistenti e gli studi scientifici, di scambiare le conoscenze sui criteri di screening e le metodologie di valutazione, ad esempio le pratiche accettate: uso dei carichi critici (CL), criteri per la perdita di habitat (Fachkonventionen DE), nuovi approcci, ad esempio per la valutazione della deposizione di azoto. Ha anche suggerito di sviluppare una guida mirata e facile da usare.

    [Read more]
  • Fare le cose giuste per i permessi ambientali

    Il ciclo di ispezione ambientale (EIC) descrive passo dopo passo come le ispezioni ambientali dovrebbero essere pianificate e cosa considerare quando si eseguono le ispezioni. L'EIC è anche usato da IMPEL come una struttura a cui altre iniziative di ispezione IMPEL possono agganciarsi per creare una migliore coesione tra gli strumenti che vengono sviluppati. Anche se c'è molta esperienza in Europa nell'autorizzazione ambientale, la procedura stessa non è mai stata descritta in una guida passo dopo passo. Di conseguenza, non c'è parità di condizioni per le procedure di autorizzazione ambientale, non c'è una guida per i nuovi funzionari addetti all'autorizzazione e c'è meno coesione tra le iniziative IMPEL sull'autorizzazione.

    [Read more]
  • Garanzia di conformità attraverso i sistemi di gestione della conformità aziendale

    In molti paesi le aziende industriali sono supervisionate da autorità che effettuano regolarmente ispezioni nei siti ed eseguono altri controlli di conformità "tradizionali" come la valutazione dei rapporti sulle emissioni. Ma quanto sono efficaci ed efficienti queste attività di supervisione orientate all'output in termini di raggiungimento di una buona conformità alla regolamentazione ambientale o anche di prestazioni ambientali al di là della conformità? I precedenti progetti IMPEL hanno mostrato che l'uso intelligente della capacità delle aziende di controllare i propri rischi usando sistemi di gestione può contribuire significativamente all'efficacia e all'efficienza della supervisione pubblica. Questo sembra particolarmente vero per aziende relativamente grandi e complesse i cui processi sono potenzialmente rischiosi per l'ambiente. Ci sono indicazioni abbastanza forti che, se la supervisione usa i sistemi di gestione ambientale/sistemi di gestione nelle giuste condizioni e in modo adeguato, si possono raggiungere i seguenti due obiettivi:

    [Read more]
  • Iniziativa di revisione IMPEL (IRI) - programma annuale

    Lo schema IRI è uno schema volontario che prevede revisioni informali delle autorità ambientali nei paesi membri dell'IMPEL. È stato istituito per attuare la raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio (2001/331/CE) che prevede criteri minimi per le ispezioni ambientali (RMCEI), dove si afferma che:

    [Read more]
  • Iniziativa di revisione IMPEL incentrata sulla conservazione della natura ('Green IRI')

    Seguendo l'iniziativa generale IMPEL Review (IRI), questo progetto mira a fare un quadro della situazione attuale all'interno degli Stati membri o in alcune aree degli Stati membri in relazione all'attuazione e all'applicazione della legislazione UE sulla conservazione della natura; principalmente le direttive Uccelli e Habitat. I risultati sono le buone pratiche identificate e le opportunità di miglioramento.

    [Read more]
  • Bonifica dell'acqua e del terreno

    La gestione dei siti contaminati è un processo che ha diverse velocità negli Stati membri. Questo è dovuto in parte alla differenza nella legislazione che comporterebbe definizioni diverse come per fare alcuni esempi "siti potenzialmente contaminati", "siti contaminati", "siti bonificati". Per questo motivo, la Commissione europea e il CCR hanno lanciato un'iniziativa con la rete EEA-EIONET per trovare definizioni comuni e un sondaggio negli SM nel 2018 (https://ec.europa.eu/jrc/en/publication/statuslocal-soil-contamination-europe-revision-indicator-progress-management-contaminated-sites) che ha portato a definire 6 status di sito.

    [Read more]
  • Sfida di attuazione 2021

    La IMPEL ha condotto alcune indagini simili negli ultimi anni che hanno dato una grande quantità di informazioni utili. La situazione, tuttavia, è cambiata drasticamente con la dichiarazione di un'emergenza climatica da parte di molti paesi, un enorme aumento della consapevolezza sulla plastica e il declino della biodiversità globale. Questa situazione è stata notevolmente esacerbata dalla pandemia di COVID-19 in corso, che ha fatto deragliare significativamente i programmi di regolamentazione e alla fine colpirà i bilanci del settore pubblico e le finanze di coloro che devono rispettare la legislazione ambientale. Questo lavoro è necessario per identificare e quantificare completamente queste sfide emergenti e cercare di evidenziare opportunità e soluzioni per sostenere la comunità normativa. Il lavoro informerà anche direttamente la creazione di un piano strategico pluriennale per il 2022 in poi.

    [Read more]

We're using cookies

We use only essential cookies that are necessary for the use of the site.